Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

14 Ottobre 2021

L’abborto

L’abborto

***

Nun so’ nisuno pe parlà d’abborto,

ch’è troppo delicato l’argomento,

ma p’affrontà er probbrema me cimento,

cercanno d’èsse chiaro e no contorto.

***

Arivo ar punto der componimento,

così nun me dilungo e tajo corto:

che corpa cià quer pupetto morto,

pe l’èsse nato senza intennimento?

***

Er corpo è de la mamma, nun discuto,

ma dentro poi ce nasce un’artra vita,

che nun se pò trattà come un rifiuto.

***

A te che me contesti ’sta sortita,

te chiedo, e chiudo tutto e te saluto,

si era tu’ madre a datte un’abbortita?

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Nun so’ nisuno pe parlà d’abborto,
    ch’è troppo delicato l’argomento,
    ma p’affrontà er probbrema me cimento,
    cercanno d’èsse chiaro e no contorto. …

    Comment by Stefano — 14 Ottobre 2021 @ 07:05
  2. L’unica soluzione etica in questo tema è la prevenzione, vale a dire la contraccezione, ciò secondo il vecchio e sano principio che è meglio prevenire che curare.

    Comment by Silvio — 14 Ottobre 2021 @ 10:15
  3. E’ vero che è meglio prevenire che curare, ma non sempre è così semplice come sembra!
    Buona Giornata.
    …..

    Bentornato romano cb!

    Comment by letizia — 14 Ottobre 2021 @ 13:54
  4. Grazie, molto gentile, ma anche se non mi vedi, io sono qui ogni giorno per godermi la poesia in dialetto, ed anche i vostri commenti che trovo sempre intelligenti, interessanti e piacevoli! Infatti la mia giornata comincia proprio con “Roma in rima” poiche’ vivendo a settemila mljia de distanza e 6 ore indietro, riesce ogni giorno a farmi sentire…….a casa!

    Comment by romano cb — 15 Ottobre 2021 @ 04:37

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>