Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

26 Ottobre 2021

Er Pantheon

Er Pantheon

***

A Roma l’espressione popolare:

“E dimme er Pantheon, no la Rotonna!”,

se usa quanno quarche lingua sfonna,

de chi ’na pozza te la chiama mare.

***

Er Pantheon, compresa ’gni colonna,

è nato co la forma de un artare,

da ch’è sortito più rettangolare,

j’hanno curvato un angolo pe sponna.

***

Mausoleo, conzacrato in chiesa,

mill’anni dopo l’urtima dimora,

de artisti e perzonaggi de gran resa.

***

E oggi, quanno er Sole lo strafora,

da l’arto, come fusse cinepresa,

quer griggio secolare se colora.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. A Roma l’espressione popolare:
    “E dimme er Pantheon, no la Rotonna!”,
    se usa quanno quarche lingua sfonna,
    de chi ’na pozza te la chiama mare. …

    Comment by Stefano — 25 Ottobre 2021 @ 17:44
  2. Una delle tante meraviglie di ROMA nostra!
    Buon pomeriggio

    Comment by letizia — 26 Ottobre 2021 @ 14:18

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>