Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

16 Novembre 2021

Contaggi loro

Contaggi loro

***

Ma penza … c’è riaumento der contaggio.

Porca miseria, chi l’avrebbe detto?

Mica sarà p’avé riaperto er getto,

libberi tutti, senza più un ostaggio?

***

Nun c’entreranno, manco pe difetto,

li mezzi pubbrici pieni da ortraggio?

Cento pe cento ovunque … che coraggio,

a dì che questo aumento è causa-effetto.

***

Come penzà che c’entri quarche cosa

lo smart-working bello e superato?

Le scòle tutte piene? Solo prosa.

***

Noi nun seguimo certo ‘sto gran coro,

ma un dubbio un po’ ce viè … nun sarà stato,

pe l’anima de li contaggi loro?

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Ma penza … c’è riaumento der contaggio.
    Porca miseria, chi l’avrebbe detto?
    Mica sarà p’avé riaperto er getto,
    libberi tutti, senza più un ostaggio? …

    Comment by Stefano — 15 Novembre 2021 @ 19:07
  2. A tutti quei geni che hanno criticato duramente la prudenza del ministro Speranza dico che se fosse stata premier la Meloni nel nostro paese la pandemia avrebbe fatto una carneficina di proporzioni apocalittiche, esattamente come ha fatto quel criminale di Bolsonaro in Brasile

    Comment by Silvio — 16 Novembre 2021 @ 11:17
  3. La pandemia e tutti quelli che ne parlano, hanno veramente rotto le scatole! Chissà se c’è qualcuno che dice la verità, ma quella vera!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 16 Novembre 2021 @ 12:26

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>