Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

17 Novembre 2021

La tranvata

La tranvata

***

Ciavevi quer fior fiore de pischella,

che te voleva bene fino in fonno

e t’avrebbe seguito in capo ar monno,

co l’occhi luminosi de ’na stella.

***

Ma tu ch’hai vinto er premio “er mejo tonno”,

l’hai fatta piagne come fontanella,

pe córe appresso a quarche mignottella,

e mó che t’ha lassato hai perzo er sonno.

***

Nun so’ nisuno pe fà er moralista,

ché ne la vita ho sbajato tanto,

da mannà in crisi pure l’analista.

***

Ma appunto, pe nun vive de rimpianto,

quanno che rifarai un’artra conquista,

tiettela stretta e trattela cor guanto!

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Ciavevi quer fior fiore de pischella,
    che te voleva bene fino in fonno
    e t’avrebbe seguito in capo ar monno,
    co l’occhi luminosi de ’na stella. …

    Comment by Stefano — 17 Novembre 2021 @ 06:34
  2. Il libero arbitrio ci dà il diritto di sbagliare. Gli errori ci insegnano e ci fanno maturare. Una delle più grandi lezioni da imparare è quella di non giudicare!

    Comment by Silvio — 17 Novembre 2021 @ 10:31
  3. Bella poesia! Di storie come quella descritta ce ne sono tante: spesso non ci si rende conto di aver trovato il compagno perfetto per vivere e si fanno delle scelte che poi non sono quelle sperate! Ma così è la vita!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 17 Novembre 2021 @ 13:44

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>