Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

18 Novembre 2021

La radio

La radio

***

Da sempre è la compagna più fedele,

nun guarda mai si ciò raggione o torto,

nun m’abbandona, ma vive d’ascorto,

sia cor destino bono che crudele.

***

Me sta vicina pe damme conforto,

quanno che manno giù gocce de fiele,

a vorte è mejo der più dorce miele,

e me raddrizza già l’umore storto.

***

Nun chiede in cambio gnente com’er vento,

ma solo che je porgo un po’ d’orecchio,

j’abbasta questo pe famme contento.

***

L’ascorterò fin quanno sarò vecchio,

armeno fino ar giorno che ce sento,

dopo la smorzo … e bonanotte ar secchio.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Da sempre è la compagna più fedele,
    nun guarda mai si ciò raggione o torto,
    nun m’abbandona, ma vive d’ascorto,
    sia cor destino bono che crudele. …

    Comment by Stefano — 18 Novembre 2021 @ 06:30
  2. Il successo di questo antico strumento di diffusione è straordinario: al tempo di internet, piattaforme digitali con palinsesti ricchissimi e tecnologia 5G la cara vecchia radio sopravvive e resiste alle generazioni!

    Comment by Silvio — 18 Novembre 2021 @ 10:34
  3. Ho una radio in ogni stanza (bagno compreso) ed è sempre accesa, non potrei farne a meno! La TV mi serve solo per vedere le partite, ma il commento lo ascolto solo dalla radio.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 18 Novembre 2021 @ 12:27

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>