Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

30 Novembre 2021

Du’ gocce d’acqua

Du’ gocce d’acqua

***

Nun serve l’acquazzone torenziale,

a Roma abbasta solo quarche goccia,

che nun te bagna manco la capoccia,

pe sconcassà tutto er manto stradale.

***

Vabbè, se dice che scava la roccia,

ma nun è mica poi tanto normale,

che ’ste du’ gocce, scese pure male,

sfracelleno l’asfarto che se scoccia.

***

Pare Baghdad sotto ar bombardamento,

o da vedé la Luna da vicino,

che ’gni du’ metri c’è un avvallamento.

***

Ce lo sa bene chi, cor motorino,

si nun spalanca l’occhi ben attento,

finisce dritto in buca cor boccino.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Nun serve l’acquazzone torenziale,
    a Roma abbasta solo quarche goccia,
    che nun te bagna manco la capoccia,
    pe sconcassà tutto er manto stradale. …

    Comment by Stefano — 29 Novembre 2021 @ 18:35
  2. Quando piove Roma entra in modalità delirio, il traffico si paralizza, si aprono le buche e si moltiplicano gli incidenti

    Comment by Silvio — 30 Novembre 2021 @ 10:53
  3. Purtroppo, dover rifare il manto stradale si devono spendere un bel po’ di quattrini! Pertanto, bisogna stare bene attenti, soprattutto per chi va su due ruote!
    Buona serata.

    Comment by letizia — 30 Novembre 2021 @ 19:06

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>