Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

4 Dicembre 2021

Aldo Fabrizi – La dieta

La dieta

***

Doppo che ho rinnegato pasta e pane,

sò dieci giorni che nun calo, eppure

resisto, soffro e seguito le cure …

me pare un anno e sò du’ settimane.

***

Nemmanco dormo più, le notti sane,

pe damme er conciabbocca a le torture,

le passo a immagginà le svojature,

co la lingua de fòra come un cane.

***

Ma vale poi la pena de soffrì

lontano da ‘na tavola e ‘na sedia,

pensanno che se deve da morì?

***

Nun è pe fà er fanatico romano,

però de fronte a ‘sto campà d’inedia,

mejo morì co la forchetta in mano.

***

Aldo Fabrizi

__________________

***

  1. Doppo che ho rinnegato pasta e pane,
    sò dieci giorni che nun calo, eppure
    resisto, soffro e seguito le cure …
    me pare un anno e sò du’ settimane. …

    Comment by Stefano — 4 Dicembre 2021 @ 07:14
  2. “mejo morì co la forchetta in mano”: se soffre troppo ha ragione!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 4 Dicembre 2021 @ 13:00

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>