Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

14 Gennaio 2022

Benvenuti Carlo e Speranza

Benvenuti Carlo e Speranza

***

E benvenuti ar monno, piccoletti,

che oggi la famija se fa piena,

voi due, Gabbriele co Serena,

c’è Paoletto, poi, tra l’angioletti.

***

Du’ gemellini, come ‘na catena,

co li Beati in Celo, ora eletti,

de Carlo Acutis, lui, che cià ‘st’occhietti,

Madre Speranza, lei, che dorme appena.

***

Vita che viè da Vita e Gioia vera,

che nun se pò spiegà … perciò nun parlo,

ché ‘gni parola nun pò dilla intera.

***

Ma solo tanta e forte fratellanza,

co mamma e co papà … t’abbraccio Carlo,

e do un bacetto a te, dorce Speranza.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. E benvenuti ar monno, piccoletti,
    che oggi la famija se fa piena,
    voi due, Gabbriele co Serena,
    c’è Paoletto, poi, tra l’angioletti. …

    Comment by Stefano — 14 Gennaio 2022 @ 05:57
  2. Carlo e Speranza sono tuoi stretti consanguinei? Se è così faccio a te tantissimi Auguri e a loro Auguro una Splendida vita! Ogni vita che nasce porta tanta gioia nel cuore!
    ….
    Sono d’accordissimo con te sul “Pensiero del Giorno” e non dico altro!
    Buona serata!

    Comment by letizia — 14 Gennaio 2022 @ 18:54
  3. Grazie Letizia. Sono i figli di una coppia di amici molto stretti, per cui mi sento un po’ “zio”.

    Comment by Stefano — 15 Gennaio 2022 @ 09:00

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>