Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

15 Gennaio 2022

Prima de salutasse

Prima de salutasse

***

Vojo lassatte co ’na rifressione,

ch’è più un conzijo che ’na direttiva,

da légge e d’ascortà come t’ariva,

fanne tesoro o robba da sciacquone.

***

La vita è tua e pìa l’inizziativa,

sei Unico tra un mare de perzone,

quanno riesci a trovà la direzzione,

tu vaje appresso in locomotiva.

***

Nun t’addannà addietro a le sciocchezze

e nun te fà venì ’na malatia:

se chiama monno, è pieno de monnezze.

***

Colora la tristezza d’alegria,

e èssi certo: nun avé certezze.

È tutto … chiedo er conto e vado via!

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. Vojo lassatte co ’na rifressione,
    ch’è più un conzijo che ’na direttiva,
    da légge e d’ascortà come t’ariva,
    fanne tesoro o robba da sciacquone. …

    Comment by Stefano — 15 Gennaio 2022 @ 08:58
  2. La nostra unica e vera Speranza è DIO Onnipotente: solo LUI può aiutarci nelle tragedie della Vita! Guardiamo sempre il Crocefisso per capire e credere che LUI si è fatto uccidere gratuitamente per salvarci e darci la Vita Eterna!
    Buon pomeriggio.

    Comment by letizia — 15 Gennaio 2022 @ 13:28

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>