Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

18 Gennaio 2022

La lagrima

La lagrima

***

Pò èsse un firm oppure ’na canzone,

l’amore che se sfascia o pe un abbraccio,

l’amico che te penza, un momentaccio,

un pupo che viè ar monno, un’emozzione.

***

Un fatto che t’ha steso come straccio,

la fine de un inferno de priggione,

’no squarcio de ’sta vita, un gran magone,

un dono, un libbro, un lutto o quarche laccio.

***

Lei arichisce er viso e lo colora,

da specchio trasparente ar sentimento,

de l’occhio da ’ndov’è sortita fòra.

***

Nun vergognatte mai, nun fà la Sfinge,

’na lagrima viè giù pe dì er momento,

de quanno l’omo ormai nun pò più finge!

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Pò èsse un firm oppure ’na canzone,
    l’amore che se sfascia o pe un abbraccio,
    l’amico che te penza, un momentaccio,
    un pupo che viè ar monno, un’emozzione. …

    Comment by Stefano — 17 Gennaio 2022 @ 15:51
  2. Si piange per un fatto tragico e si piange per un fatto commovente! Ma piangere non serve a nulla: bisogna tirarsi su, e continuare a vivere e sorridere, sperando nel Signore.
    Buon pomeriggio.

    Comment by letizia — 18 Gennaio 2022 @ 17:52

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>