Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

19 Gennaio 2022

Omicron

Omicron

***

Ce dicheno ch’è solo un’infruenza,

spece pe chi s’è fatto tre vaccini,

corpirà tutti sì, granni e piccini,

ma senza effetti gravi … o guasi senza.

***

Sarà … ma intanto tutti ‘st’indovini,

che lanceno messaggi a ‘gni emittenza,

nun sanno dà er perché c’è l’affruenza

a l’ospedali in preda a li casini.

***

Che Omicron per caso nun sapesse

ch’è solo poco più de un raffreddore,

e se ne frega de balle e promesse?

***

Fatte più dar politico impostore,

che nun ce sa spiegà co frasi annesse,

perché co ‘no stranuto ce se mòre.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. Ce dicheno ch’è solo un’infruenza,
    spece pe chi s’è fatto tre vaccini,
    corpirà tutti sì, granni e piccini,
    ma senza effetti gravi … o guasi senza. …

    Comment by Stefano — 19 Gennaio 2022 @ 06:59
  2. Tutti i giorni ce n’è una nuova per terrorizzare la gente! Al processo di Norimberga hanno chiesto a Goering:” come avete convinto il popolo ad accettare tutto?” E lui ha risposto che l’unica cosa da fare per rendere schiave le persone è IMPAURIRLE! La STORIA INSEGNA, ma a quanto pare, nessuno la legge!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 19 Gennaio 2022 @ 14:29

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>