Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

20 Gennaio 2022

Progresso in tivvù

Progressi in tivvù

***

T’eri comprato er tivvù ar plasma,

poi l’HD, che te faceva fico,

così ch’er primo, peggio der nemico,

l’hai messo giù in cantina a fà er fantasma.

***

Me chiami e già te n’esci: “Caro amico,

ma ce lo sai ch’er LED mó m’entusiasma?

Córo a comprallo, pure che ciò l’asma,

lo prenno SMART-3D, eppoi te dico.”

***

Ché grazzie a li prodiggi der progresso,

ariverà la quarta dimenzione,

eppoi la quinta, che ne sai adesso?

***

Ma quer che compri è ’na televisione,

mica er programma che rimane un cesso …

da uno a dieci, quanto sei cojone ?!?

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. T’eri comprato er tivvù ar plasma,
    poi l’HD, che te faceva fico,
    così ch’er primo, peggio der nemico,
    l’hai messo giù in cantina a fà er fantasma.

    Comment by Stefano — 20 Gennaio 2022 @ 06:56
  2. Acquistare una nuona TV per vedere programmi che sono un “cesso” non è la mia massima aspirazione! Infatti, generalmente spengo la TV e continuo a leggere, che mi piace molto di più, invece di vedere tutti quei teatrini di “io so tutto”!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 20 Gennaio 2022 @ 13:24

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>