Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

24 Gennaio 2022

‘Na gran presa p’er Colle

‘Na gran presa p’er Colle

***

Comincia quinni ‘st’artra pantomima,

de chi sarà er novo Presidente

de la Repubbrica, mica de gnente,

de cui nun se conosce nome e stima.

***

Ar via l’elezzione e er voto assente,

la scheda bianca vince già la prima,

che viè poi da penzà co scritto in rima

a che segnà sur fojo veramente.

***

Se cerca un perzonaggio de decoro,

de indubbie qualità e d’omo terzo,

lontano da l’impicci de ‘gni foro.

***

Ma a trovallo poi mica è ‘no scherzo,

chi tenghi ar Paese e nun a loro,

che già cercallo pare tempo perzo.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Comincia quinni ‘st’artra pantomima,
    de chi sarà er novo Presidente
    de la Repubbrica, mica de gnente,
    de cui nun se conosce nome e stima. …

    Comment by Stefano — 24 Gennaio 2022 @ 15:53
  2. Stefano hai ragione è davvero “tempo perso”! Io non ho fiducia in nessuno di loro! D’altra parte, tutti i cosiddetti “governanti del mondo” sono solo delinquenti! Cerchiamo di andare avanti, confidando in Dio perchè ci aiuti.
    Buona giornata

    Comment by letizia — 25 Gennaio 2022 @ 13:05

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>