Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

28 Marzo 2022

Ar centro der monno

Ar centro der monno

***

Prova a penzà ‘na vorta solamente,

nun dico tanto, anche pe un seconno,

che nun sei tu a stà ar centro der monno,

ma sei un puntino in mezzo a l’artra gente.

***

Te credi … fàtte dì … un po’ da tonno,

che tutto rota intorno ar tuo presente,

prima de te e dopo nun c’è gnente,

co l’artri che a l’artezze tue nun ponno.

***

Te vojo dà ‘na dritta … e damme retta,

nun sei quer che te credi, un messia,

me spiace … ‘sta modalità diretta.

***

Anzi co un po’ de timido imbarazzo,

te devo dì … te sembrerà follia,

che a l’artri de te nun je frega un cazzo!

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Prova a penzà ‘na vorta solamente,
    nun dico tanto, anche pe un seconno,
    che nun sei tu a stà ar centro der monno,
    ma sei un puntino in mezzo a l’artra gente.

    Comment by Stefano — 27 Marzo 2022 @ 18:26
  2. E’ pieno il mondo di individui che ignorano il prossimo, nel senso che non si accorgono minimamente delle esigenze degli altri, vivendo solo per sé stessi. Questo egoismo cosmico rappresenta un modalità di vita molto distante da Dio!

    Comment by Silvio — 28 Marzo 2022 @ 09:43
  3. Molti non si rendono conto di quanto sia pericolosa l’indifferenza che, giorno dopo giorno, uccide l’anima inaridendola, costringendola a un’accidia che le ruba la sua ragione di esistere e, comportandosi in questo modo, si isolano nella torre nell’egoismo, ignorando chi gli sta intorno.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 28 Marzo 2022 @ 12:40
  4. Letizia e Silvio, complimenti per i vostri interventi.
    Grazie

    Comment by Stefano — 28 Marzo 2022 @ 17:17

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>