Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

27 Aprile 2022

Du’ cose importanti

Du’ cose importanti

***

A ’ste du’ cose io so’ sempre pronto:

mette le zampe sotto ar tavolino

e spegne l’occhi e famme un pisolino,

si vòi sapé com’è, te l’aricconto.

***

Nun ha da èsse sera, né matino,

o notte, quanno è arba o tramonto,

ché pe dormì e magnà nun faccio er conto,

co orologgi o fochi der camino.

***

È mejo ancora quanno ’ste du’ cose,

le faccio l’una l’artra de rimanno,

messe de fila, a rincarà la dose.

***

A chi me dice, e quanti ce ne stanno,

“Però così nun prenni pesci e spose”,

io j’arisponno: “E ’ndó starebbe er danno ?!?”

***

Stefano Agostino

____________________

***

  1. A ’ste du’ cose io so’ sempre pronto:
    mette le zampe sotto ar tavolino
    e spegne l’occhi e famme un pisolino,
    si vòi sapé com’è, te l’aricconto. …

    Comment by Stefano — 27 Aprile 2022 @ 06:54
  2. Magnà e dormì: l’enciclopedia dei piaceri della vita!

    Comment by Silvio — 27 Aprile 2022 @ 10:17
  3. Qualcuno potrà dire che i piaceri della vita sono altri, ma dai due che hai nominati non si può prescindere!
    Bentornato Silvio: qui ci sei mancato!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 27 Aprile 2022 @ 11:47
  4. Bentornato Silvio, e d’accordo col “Pensiero del giorno”!

    Comment by romano cb — 27 Aprile 2022 @ 20:59

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>