Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

5 Maggio 2022

La password

La password

***

La password: ma che granne invenzione!

Serve a protegge li dispositivi,

da l’occhi più indiscreti e più cattivi,

de chi nun cià mai ‘na bona intenzione.

***

Ma c’è da èsse più che creativi,

ne l’inventà ‘na password co attenzione,

che nun se sgami subbito, raggione

pe cui se cercan segni interpuntivi.

***

O nomi assurdi eppoi punteggiatura,

pe fà la password sempre più cifrata,

e rènne a l’hacker la vita più dura.

***

Solo che poi pe fàlla compricata,

la password mia che era più sicura,

quann’è ar dunque me la so’ scordata.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. La password: ma che granne invenzione!
    Serve a protegge li dispositivi,
    da l’occhi più indiscreti e più cattivi,
    de chi nun cià mai ‘na bona intenzione. …

    Comment by Stefano — 5 Maggio 2022 @ 08:49
  2. Odio le password, cerco di non metterle mai: se me la chiedono chiudo immediatamente! Tanto se ti vogliono derubare (non so di cosa) riescono comunque a farlo! All’inizio (tanti anni fa) le usavo: avevo un foglio protocollo con una marea di pw che non servivano più a niente e l’ho buttato! SEMPRE FORZA ROMA è la mia unica pw!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 5 Maggio 2022 @ 12:38

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>