Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

12 Maggio 2022

Le cacche de li cani

Le cacche de li cani

***

A Roma spesso, quanno è buio in via,

pòi acciaccà ’na cacca de li cani,

che ’nzacchera le sòle ’ndó ce frani,

poi guai a chi te sente … mammia mia.

***

Voresti èsse accalappiacani,

così je fai passà la fantasia,

de fà ’sti ricamini co la scia

e d’accorà de puzza li romani.

***

Ma nun t’avvelenà co l’animali,

a cui nun pòi pretenne dà lezzioni,

de pulizzia e bisogni naturali.

***

E strilla invece a tutti li padroni,

de cani che hanno scerto posti e pali,

pe coloraralli gialli o più maroni.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. A Roma spesso, quanno è buio in via,
    pòi acciaccà ’na cacca de li cani,
    che ’nzacchera le sòle ’ndó ce frani,
    poi guai a chi te sente … mammia mia. …

    Comment by Stefano — 12 Maggio 2022 @ 05:42
  2. Ci sono precise regole per i padroni dei cani a beneficio dei passanti e del decoro urbano

    Comment by Silvio — 12 Maggio 2022 @ 09:46
  3. E’ una cosa insopportabile quella di pestare escrementi di cane! Per fortuna non mi è mai succcesso! Comunque, chi porta il cane a spasso dovrebbe obbligatoriamente munirsi di attrezzi per pulire.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 12 Maggio 2022 @ 11:31

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>