Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

13 Giugno 2022

Si nun ce sta guadambio

Si nun ce sta guadambio

***

“Si nun ce sta guadambio”, dice er detto,

ce pòi giurà, la rimissione è certa.

E nun ho fatto mica ’na scoperta,

de quelle che te dànno poi er brevetto.

***

Però io resto sempre a bocca aperta,

quanno me se presenta ’sto verdetto,

così che m’aritrovo poi costretto,

a stà più attento e ben deppiù in allerta.

***

Da chi ce prova e che se crede furbo,

offrenno luna e monno a costo zero,

ciài da scappà, mettenno pure er turbo.

***

Aggratise, pe èsse più sincero,

nun è nemmanco più levà er disturbo,

co quer che costa un buco ar cimitero.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. “Si nun ce sta guadambio”, dice er detto,
    ce pòi giurà, la rimissione è certa.
    E nun ho fatto mica ’na scoperta,
    de quelle che te dànno poi er brevetto. ….

    Comment by Stefano — 13 Giugno 2022 @ 05:57
  2. La riflessione che mi suscita il sonetto è che i soldi facili non esistono, mai! Tuttavia nella vita saremo sempre tentati di cedere alle lusinghe del “gatto e la volpe” di turno illudendoci di essere più furbi degli altri nel prendere scorciatoie. Ogni utile, ogni buon risultato, ogni successo piccolo o grande è sempre frutto di lavoro, sudore, fatica, studio, applicazione, perseveranza.

    Comment by Silvio — 13 Giugno 2022 @ 09:23
  3. Il mondo è pieno di furbastri che cercano solo di dare fregature! Bisogna sempre avere gli occhi bene aperti e capire che solo con il lavoro si riesce ad ottenere un esito positivo!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 13 Giugno 2022 @ 10:54
  4. Pienamente d’accordo!

    Comment by romano cb — 13 Giugno 2022 @ 12:46

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>