Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

14 Giugno 2022

Ho fatto 6 ar Superenalotto

Ho fatto 6 ar Superenalotto

***

Ho fatto “6” ar Superenalotto,

e urlo e strillo e grido: “Quant’ho vinto?”.

La guardo e l’ariguardo e so’ convinto,

che ’sta sestina abbasta a fà filotto.

***

Li nummeri spizzati fino ar quinto,

ar sesto sàrto, barzo e faccio un botto,

rischianno de finì guasi de sotto

a forza de zompà, torno distinto.

***

Che ce farò co tutti ’sti mijoni?

De certo aiuterò chi cià bisogno,

eppoi me leverò soddisfazzioni.

***

E mentre già me vedo che sbologno,

senza più avé rotture de cojoni,

sona la sveja … vaffanculo ar sogno !!!

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Ho fatto “6” ar Superenalotto,
    e urlo e strillo e grido: “Quant’ho vinto?”.
    La guardo e l’ariguardo e so’ convinto,
    che ’sta sestina abbasta a fà filotto. …

    Comment by Stefano — 13 Giugno 2022 @ 17:00
  2. Vincere la lotteria non è sempre stata una benedizione, non per tutti almeno, lo raccontano i fatti. Se non si ha la testa ben piantata sul collo le probabilità che il colpo di fortuna si trasformi in una disgrazia sono altissime!

    Comment by Silvio — 14 Giugno 2022 @ 09:46
  3. Non ho mai giocato al totocalcio nè all’enalotto, non ho mai neppure sognato di aver vinto a qualche lotteria, anche perchè non gioco mai: tutto quello che ho è frutto di lavoro. Sono contenta così e ringrazio il Signore di tutto quello che fino ad oggi mi ha dato!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 14 Giugno 2022 @ 11:45
  4. …….infatti se dice che: “Le lotterie so’ l’auto-tassazione dei poveri”!

    Complimenti per l’allegro sonetto!

    Comment by romano cb — 14 Giugno 2022 @ 14:27

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>