Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

16 Giugno 2022

La Preghiera

La Preghiera

***

A vorte sento come er desiderio

de chiacchieracce un po’ cor Padre Eterno,

pò èsse giorno, notte, estate, inverno,

momento alegro o attimo più serio.

***

Succede quanno ar dentro de lo sterno,

a l’improviso e senza arcun criterio,

me sento mosso guasi più de imperio,

dar còre che me spigne da l’interno.

***

Magara è tutto un sogno o ’na chimera,

’sta forma de parlà come da fìo,

che chiede aiuto ar Padre si va nera.

***

Ma ’sti momenti, a tu per “Tu” co Dio,

che sò anniscosti ar monno, de preghiera,

sò propio quelli in cui io so’ più io.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. A vorte sento come er desiderio
    de chiacchieracce un po’ cor Padre Eterno,
    pò èsse giorno, notte, estate, inverno,
    momento alegro o attimo più serio. …

    Comment by Stefano — 15 Giugno 2022 @ 18:02
  2. E’ il nostro filo diretto con il Creatore, consapevoli che la nostra natura umana è solo provvisoria perché la vita vera è quell’altra. L’anima si nutre di ciò che le ha dato vita, il nostro spirito nella preghiera torna a casa!

    Comment by Silvio — 16 Giugno 2022 @ 09:35
  3. Bel sonetto! “chi prega si salva, chi non prega si danna” parole di S. Alfonso! Se vogliamo salvarci, dobbiamo sempre pregare, senza stancarci!
    Dio, che è nostro Padre e vuole la nostra salvezza, ci ascolterà!
    Il commento di Silvio è molto vero e profondo.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 16 Giugno 2022 @ 12:28

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>