Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

9 Luglio 2022

Azzo, ezzo, izzo, ozzo e uzzo

Azzo, ezzo, izzo, ozzo e uzzo

***

Ner mentre che ar solito m’attrezzo,

a buttà giù un sonetto e fo ‘no schizzo,

un artro gioco in desinenze spizzo,

che in “doppia-zeta e o” reggheno er pezzo.

***

Così che parte er primo verzo e addrizzo

l’endecasillabbo che pare grezzo,

e mano a mano sorte già un ber mezzo

che fa quartine giuste in indirizzo.

***

Poi è la vorta, e me scervello a spruzzo,

co la prima terzina ar gargarozzo,

come passaggio a l’urtima co intuzzo.

***

E quanno arivo a chiude, l’imbarazzo

è de sortì puranche in modo rozzo:

“Ma ‘sto sonetto che m’è uscito a cazzo ?!?”

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. Ner mentre che ar solito m’attrezzo,
    a buttà giù un sonetto e fo ‘no schizzo,
    un artro gioco in desinenze spizzo,
    che in “doppia-zeta e o” reggheno er pezzo. …

    Comment by Stefano — 9 Luglio 2022 @ 06:50

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>