Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

21 Luglio 2022

Apocalisse 4800

Apocalisse 4800

***

L’hanno chiamata pure Apocalisse,

‘st’ondata qua de callo eccezzionale,

tanto così pe fàcce sentì male,

solo cor nome, prima che venisse.

***

Co li ventilatori a piene pale,

l’arie condizzionate accese fisse,

senza speranza manco de un’eclisse,

a spegne er Sole e intanto l’afa sale.

***

E nun se sa nemmanco ‘sto tormento,

quanno decide de passà la mano,

a pioggia, nubbi, fresco, acqua e vento.

***

Ma come fa a piacé ‘sto callo strano?

E dico “strano” … e conto fino a cento,

pe nun dì “stronzo” … detto da un romano!

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. L’hanno chiamata pure Apocalisse,
    ‘st’ondata qua de callo eccezzionale,
    tanto così pe fàcce già sentì male,
    solo cor nome, prima che venisse. …

    Comment by Stefano — 21 Luglio 2022 @ 05:32
  2. Dall’inizio del mese in ufficio da me si è rotta l’aria condizionata, casualmente proprio nel massimo picco di calore di tutto l’anno. Non è per nulla divertente lavorare dentro una sauna ma ancora peggio è lavorare l’inverno con i piedi sempre ghiacciati!

    Comment by Silvio — 21 Luglio 2022 @ 10:26
  3. il mondo si è veramente rovesciato: se guardiamo il meteo ci rendiamo conto che in Inghilterra, dove in genere fa fresco anche in estate, le temperature sono salite a 40°! Nell’aeroporto di Luton si è sciolta la pista! In Italia non solo bollino rosso, ma anche pericolo di tornadi!
    La Natura ha deciso di ribellarsi allo scempio subito.Mo’so c….amari.
    Non ci resta che pregare.

    Comment by letizia — 21 Luglio 2022 @ 10:53

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>