Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

29 Luglio 2022

La vista

La vista

***

Quanno che apri l’occhietti appena svejo,

l’attimo prima che poi t’arzi in piedi,

si guardi attorno e noti che ce vedi,

t’accorgi che nun c’è gnente de mejo.

***

Er Sole manna un raggio e lì te chiedi,

ner pieno centro de ’sto dormivejo,

quanto pò èsse bello quer risvejo,

e su l’aspetti tristi soprassiedi.

***

Già in HD e tridimenzionale,

’na gamma de colori arcobbaleno,

che te pò dà sortanto ch’er reale.

***

Magara sbajerò a vedé er sereno,

pure ner celo nero a temporale,

ma nun me ne pò mai fregà de meno!

***

Stefano Agostino

____________________

***

  1. Quanno che apri l’occhietti appena svejo,
    l’attimo prima che poi t’arzi in piedi,
    si guardi attorno e noti che ce vedi,
    t’accorgi che nun c’è gnente de mejo. …

    Comment by Stefano — 28 Luglio 2022 @ 19:36
  2. Non ci accorgiamo di quello che Dio ci ha dato, fino a quando non ce lo abbiamo più! Dei cinque sensi la vista è quello più meraviglioso!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 29 Luglio 2022 @ 10:53

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>