Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

3 Agosto 2022

Agosto romano

Agosto romano

***

Si vòi godette Roma de nascosto,

spizzannotela quanno ch’è deserta,

tu damme retta, prova la scoperta,

de fàtte un giro in centro un dì d’agosto.

***

La strada o piazza che te sarai scerta,

te sembrerà de botto un’artro posto,

nun c’è cantuccio o spazzio più riposto,

che nun te lasserà a bocca aperta.

***

Da sera a notte blu me ce attardo,

pe affacciamme ar Tevere giù in fonno

e me ce sperdo in tutto quelo sguardo.

***

Me riempio de un orgojo in un seconno,

mentre ringrazzio Dio der Suo riguardo,

d’avemme dato er mejo in tutto er monno.

***

Stefano Agostino

____________________

***

  1. Si vòi godette Roma de nascosto,
    spizzannotela quanno ch’è deserta,
    tu damme retta, prova la scoperta,
    de fàtte un giro in centro un dì d’agosto. …

    Comment by Stefano — 3 Agosto 2022 @ 04:18
  2. “Me riempio de un orgojo in un seconno
    mentre ringrazzio Dio der Suo riguardo
    d’avemme dato er mejo in tutto er monno”.
    E’ vero, Stefano, Roma è qualcosa che non si può spiegare e non ci credi se non la vedi|
    Buona Giornata

    Comment by letizia — 3 Agosto 2022 @ 10:32

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>