Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

A tavola,I sonetti romani

13 Maggio 2010

Cucina romanesca

cucina romanesca

Cucina romanesca

***

Esempi de cucina romanesca:

‘na carbonara fatta co li fiocchi,

la gricia, un cacio e pepe o sti du gnocchi,

‘n’amatriciana o ‘na puttanesca.

***

Frammezzi a cazzimpero de finocchi,

poi vòi la carne? Tiè, vattelappesca,

pajata, trippa, abbacchio o, si t’entresca,

un sàrtimbocca che te rifai l’occhi.

***

Carciofi a la giudia o in coratella,

facioli, broccoletti e misticanza,

cicoria, coda e quarche puntarella.

***

Sia che se cena, qui, sia che se pranza,

la tavola romana t’affratella,

nun serve solo pe riempì la panza.

***

Stefano Agostino

___________________________

  1. Doppo ave letto ‘st’apoteosi o mejio ‘st’inno a “la società de li magnaccioni” e po’ de prima matina, me salito subeto ‘n languorino che guasi, guasi pe’ collazione me fo’ ‘n bucatino.

    Comment di RomamoR — 13 Maggio 2010 @ 08:11
  2. Ma questo è ‘n’assassinio ben concepito
    a uno che sta a dieta j’aumenta l’appetito.

    Comment di RomamoR — 13 Maggio 2010 @ 08:13
  3. sei sempre er mejo…..

    Comment di lodi stefania — 13 Maggio 2010 @ 08:40
  4. grande stè…….

    Comment di lodi stefania — 13 Maggio 2010 @ 08:41
  5. Grandioso sonetto culinario: sembra di leggere il menù di qualche trattoria trasteverina ma in versi e in rima…

    Comment di Silvio — 13 Maggio 2010 @ 08:47
  6. Un sonetto decisamente…appetitoso. Voglia di mangiare bene e voglia di compagnia, nel pieno spirito ROMANO.

    Comment di Federica_Perla — 13 Maggio 2010 @ 09:17
  7. Sia che se cena, qui, sia che se pranza,
    la tavola romana t’affratella,
    nun serve solo a riempì la panza.

    Questa è la cosa veramente importante. Stefano sei sempre il solito “romanticone” e ti voglio bene anche per questo.

    Comment di Massimiliano "Bariggio" — 13 Maggio 2010 @ 14:23
  8. Da quanno se sta a di’: “nun sarà, ma si sarà….” m’è venuta ‘n testa ‘n’idea che rivelerò solo lunedì a cose fatte. Prima famo che s’avvera….magara è uguale.

    Comment di RomamoR — 13 Maggio 2010 @ 16:23
  9. Eh eh, di recente ho mangiato un’ottima carbonara da “I villini” a via Marcantonio Colonna…. ma adesso LA PACCHIA E’ FINITA, E’ ORA CHE IO MI PREPARI CON RIGORE ALLA PROVA COSTUME.

    Comment di Francesca Principessa — 16 Maggio 2010 @ 09:00
  10. Complimenti al sommo poeta, un GENIO secondo me che andrebbe ”pubblicizzato” e invogliato a pubblicare anche in cartaceo!!! Io un libro cosi’ lo comprerei a occhi chiusi=)

    Comment di Stefania — 8 Agosto 2012 @ 12:05
  11. Grazie Stefania. Di cuore.

    Comment di Stefano — 8 Agosto 2012 @ 15:54

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>