Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

8 Settembre 2010

Pigrizzia

pennicaPigrizzia

 

Ammazza che dormita da campione!

Mo m’arzo in piedi e faccio colazzione,

ma p’evità de nun perde l’effetto,

me sbrigo, magno e m’arimetto a letto.

 

Che m’ariabbiocco er giusto e lo descrivo  

 p’arisvejamme co l’aperitivo.

M’appoggio un attimo su la portrona,

me siedo e me riaddormo un’ora bòna.

 

E datosi che ha da godè la panza,

appena m’arzo, pranzo e er resto avanza.

Quanno che poi lo stommaco è riempito,

‘na pennica è un diritto garantito.

 

Co l’occhi chiusi steso m’ariposo,

sdrajato fisso lì tutto pacioso,

la sveja sòna e squilla, ma è tremenda,

ner ricordamme de fà la merenda.

 

Mannato giù da poco sto spuntino,

mo quasi quasi schiaccio un pisolino,

e senza famme mai più de ‘na pena,

me arisvejo a l’ora de la cena.

 

Ammazza che fatica sta giornata,

‘gni vorta che me arzo è ‘na magnata,

Forze sò io che sto a diventà vecchio,

famme annà a letto … e bonanotte ar secchio !!!

 

Stefano Agostino

  1. Troppo forte Stè, ma che te l’ha suggerita Aldo Fabrizi in sogno stà composizione??? E’ sì, magnà e dormì, tutto con calma e senza fretta: che saggia filosofia di vita…!

    Comment di Silvio — 8 Settembre 2010 @ 08:50
  2. Buongiorno a tutti e ben ritrovati, mi siete mancati tantissimoooooooooooo. Il nostro grande Poeta è decisamente in forma smagliante, caro Stefano hai descritto la mia giornata tipo (se solo fosse possibile). Baci a tutti.

    Comment di Federica_Perla — 8 Settembre 2010 @ 09:10
  3. Magari potessi mangiare e dormire ad libitum: purtroppo mi tocca alzarmi alle 7,15 e stare attenta alla linea, pesando con cura tutti gli ingredienti 🙂 ma LA DOMENICA RECUPERO ALLA GRANDE E MI SVEGLIO “SERIAMENTE” SOLO QUANDO GIOCA LA ROMA!

    Comment di Principessa — 8 Settembre 2010 @ 09:54
  4. Buongiorno a tutti. Grande Stefano, m’hai fatto fa ‘na bella risata ! Bentornata Federica.

    Comment di roberto genesis — 8 Settembre 2010 @ 11:01
  5. Sarve, ma de chi è ‘sta giornata? Forze de Bagonghi!? Solo a pensacce me ce raccapriccio. S’ho da di’ ‘a verità, manco me piacerebbe, perché, ortre a diventà glionitorinco, diventerei come ‘n vascello da carico (nun è che mo so’ smirzo). Vabbe’, pijamola come ‘n paradosso. Epperò è descritta bene: “la vera giornata der pigrone”

    Comment di ''svardo — 8 Settembre 2010 @ 11:04
  6. ah ah ah (risata)
    Questa bella poesia è una provocazione! Ma come si fa a vivere così! Anche se sospetto che qualcuno lo faccia.

    Comment di letizia — 8 Settembre 2010 @ 11:52
  7. Grazie Roby, un abbraccio.

    Comment di Federica_Perla — 8 Settembre 2010 @ 13:32

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>