Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

21 Settembre 2010

Ciao Sandra

ciao sandra

Ciao Sandra

 

Era sicuro che nun ce riuscivi,

a restà sola senza er tuo Raimonno,

tu che nun l’hai lassato mai un seconno,

de seguità più nun te la sentivi.

 

Du cori tanto uniti mica ponno,

l’uno de l’artro arimanecce privi,

che nun se intennerrebbero più vivi,

nimmanco ner mejo posto der monno.

 

Me sembra de vedevve abbraccicati,

co quer soriso che sa esprime gioja

che ve sarete certo aritrovati.

 

 Raimonno ch’avrà magnata la foja,

 mo te starà a dì :”Su se sò sbajati”

tu je dirai:  “E che barba e che noja!”

 

Stefano Agostino

____________________________

  1. Un bacio Sandra, riposa in pace.

    Comment di roberto genesis — 21 Settembre 2010 @ 15:04
  2. “Casa Vianello” ha accompagnato gran parte della mia gioventù. Ora i due grandi coniugi saranno riuniti.

    Comment di Principessa — 21 Settembre 2010 @ 15:39
  3. Sandra se n’è ita da Raimondo. Mo’, ne l’antra dimenzione, sìè ariformata ‘sta bella coppia d’innamorati. Felicità Sandra e grazie de la vostra immotalità su li schermi de noi mortali.

    Comment di ''svardo — 21 Settembre 2010 @ 19:01
  4. Ciao Sandra, sei andata da Raimondo, ancora insieme

    Comment di letizia — 21 Settembre 2010 @ 20:36
  5. Ciao Sandra e Raimondo… i giovanissimi (forse) non sapranno mai quanto eravate Grandi… “Noi no, Noi”…

    Comment di Luis — 21 Settembre 2010 @ 21:37
  6. Ciao Sandra…

    Comment di Federica_Perla — 22 Settembre 2010 @ 09:13
  7. NOI NO me lo ricordo anche io, ero in terza elementare. La sigla di chiusura era uno spasso: “MA QUANT’E FORTE TARZAN… TARZAN ZAN ZAN!”

    Comment di Principessa — 22 Settembre 2010 @ 11:28

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>