Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

7 Ottobre 2010

Maledetto zio

272482793-470x368

Maledetto zio

 

Nun vojo commentà quelo che hai fatto,

che se commenta tutto già da solo,

è mejo che sto zitto e che sorvolo,

ch’arischierebbe da sembrà più matto.

 

E nun me serve e manco me conzolo,

sapè che mo in galera t’hanno tratto,

che t’accompagnerai a quarche ratto,

vedenno er monno a sbàre a sognà un volo.

 

Vojo penzà a quell’angelo su in Cielo,

e a sta partenza che nun è un addio,

ma è solo un riguardasse addietro a un velo.

 

Nun riesco a trovà insurti pe te, zio,

anche si so pe certo che sto zelo,

vòra pijasselo er Santo Dio. 

 

Stefano Agostino

  1. Sono contrario alla pena di morte, ma una bella castrazione per questi INDEGNI SCHIFOSI ci vorrebbe davvero…..e non chimica, magari con una sega elettrica ! Riposa in pace Sarah.

    Comment by roberto genesis — 7 Ottobre 2010 @ 16:10
  2. Si, ‘gni commento è inutile, ma ce sarà puro la mano de Dio
    a castiga’ ‘sto debosciato vile, ‘nfame che, pur’essenno ‘o zio,
    ha abusato sopre er sangue ‘nnocente che j’era puro parente.
    Se svelerà er perché der mistero? Quale segreto voleva tene’ oscuro? Quarch’antra cosa nun quadra. Penso che la regazzina doveva sape’ quarcosa e nun voleva sta’ zitta.

    Comment by ''svardo — 7 Ottobre 2010 @ 16:33
  3. No comment. E’ una cosa orrenda e non dico altro. Povera Sarah! ma possibile che la madre e la zia non abbiano sospettato nulla?! mah………..

    Comment by letizia — 7 Ottobre 2010 @ 18:29
  4. sono disgustato,non ho parole solo lacrime povero angelo

    Comment by alfredo.facchini — 7 Ottobre 2010 @ 18:57
  5. Me sento soffocato anch’io, Ste! M’hai fatto piagne… Negli occhi di Sarah, rivedo quelli di mia figlia… ne riconosco il cuore giovane, la spensieratezza ma nel contempo la proiezione nel futuro… di donna adulta, di madre di famiglia, di portatrice di vita… non posso che immaginare il dolore dei suoi genitori… per quell’altro non trovo parole… se non gridare l’impotenza di fronte a tanta assurda follia… che pare non finisca più, ma, anzi, si propaga a si moltiplica all’infinito… che hai fatto, porco zio, che hai fatto…

    Comment by Luis — 7 Ottobre 2010 @ 22:14
  6. .

    Comment by PEDRO — 7 Ottobre 2010 @ 22:27
  7. Sto quì pe’ conferma’ er sospetto lassato ne la prima puntata- La regazzina,che nun era poi tanto santarellina, deve ave’ aumentato le pretese e nun j’abbastavenom più li 5 euro. Poterebbe ave’ detto a lo zio: o me dai de più o te denuncio. Puro la madre, quanno la fijia j’ha detto che lo zio j’aveva dato 5 euro, perché nun j’ha chiesto perché? Pe me li c’è ‘n ber giro de zozzerie. Arimane cmq fermo er principio che nun s’ammazza ‘na persona così facirmente e co’ tanta rabbia e ferocìa. Si seguiteno l’indaggini, ne vederemo de le belle.

    Comment by ''svardo — 10 Ottobre 2010 @ 12:38
  8. Caro Arfredo Facchini, l’angeli nun se fanno da’ 5 euro pe fasse smaneggia’

    Comment by ''svardo — 10 Ottobre 2010 @ 12:40

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>