Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

15 Novembre 2010

L’osSesso

90008145

L’osSesso

***

Capisco ch’è ‘na voja naturale,

chi è che nun ce l’ha, parlo der sesso,

ma un conto è fallo bene e mejo e spesso,

un conto è avecce er chiodo tuo mentale.

***

Scusame tanto si me sò permesso,

de svergognatte in modo colossale,

ma nun c’è specie ner monno animale,

che cià sta smania tua che pari ossesso.

***

La testa e er còre nun sò l’importante,

anche che er resto nun te se ‘ncolonna,

purchè respiri è la discriminante.

***

T’abbasta ‘na pur vaga idea de donna,

 pe fà un firm porno lì, seduta stante,

 pure ch’è un omo co la minigonna.

***

Stefano Agostino

__________________________

  1. bello…ma hai una fantasia io spero che qualche casa editrice possa pubblicarli ed avere un diritto di autore….per me sei il pasquino di roma del 3° MILLENNIO

    Comment by giuseppe di paola — 15 Novembre 2010 @ 09:41
  2. Buongiorno Stafano! Ce l’hai con qualcuno in particolare? 🙂

    Comment by Prometex — 15 Novembre 2010 @ 10:43
  3. Buongiorno a tutti. Grandissimo Stefano. Io penso che ce l’abbia con tutti quei vermi(con tutto il rispetto per gli animaletti) che fanno della sopraffazione e della violenza un loro credo.

    Comment by roberto genesis — 15 Novembre 2010 @ 10:58
  4. Grazie a tutti. Prometex, scusami, ma non posso risponderti, stavolta.

    Comment by Stefano — 15 Novembre 2010 @ 11:01
  5. A ‘sta gente je farebbe ‘n servizietto come ‘n centro militare che l’antichi nomaveno “castrum”. N’affare der genere me pare che capitò puro ne la parodia de “Biancaneve e li 7 nani”. Defatti er servizietto toccò ar nano più spiritoso.

    Comment by ''svardo — 15 Novembre 2010 @ 17:13
  6. Naninenette male te se mette.

    Comment by ''svardo — 15 Novembre 2010 @ 17:14
  7. ESexYonale veramente, sto sonetto! Ma a ciascuno de quei depravati che abusa dell’ansia da prestazione, je aricordo quel che ha detto Benigni moooolto di recente: amarne Una, ma VERAMENTE, è come amarle tutte! Difatti nun le poi mica avè tutte… ekko, convincete, nun avè quell’aria prostrata… ekko, okkio alla prost… OOPS, m’è scappata…

    Comment by Luis — 16 Novembre 2010 @ 00:45

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>