Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima,Poesie romaniste

15 Novembre 2016

Peppino, sei tu?

peppino sei tu

Peppino, sei tu?

***

Te l’aricordi, Arbe’, te l’aricordi?

“Che c’è Peppino lì?” e quer saluto,

fatto co ‘na pernacchia de un minuto,

che ce riusciva solo Arberto Sordi.

***

E quanno dar barcone che hai veduto,

li profughi lazziali a fà bagordi,

l’hai fracicati, dimme che nun scordi

de che j’hai fatto quanno sei vissuto.

***

E ancora, Arbè, ce tocca arivedelli

co Olimpia, nun è quella Sor Marchese,

ma è un’aquila, sò amanti de l’ucelli.

***

De èsse romani avanzeno pretese,

ma resteno sortanto e sempre quelli,

che vengheno qui a Roma dar paese.

***

Stefano Agostino

_____________________________

 ***

  1. Buongiorno a tutti. Venti anni fa ci lasciava il piu’ grande presidente della storia dell’Associazione Sportiva Roma. Voglio ricordarLo con la frase dello striscione che mettemmo al suo funerale : HAI DATO LA VITA PER LA ROMA…GRAZIE PER SEMPRE.

    Comment di roberto genesis — 19 Gennaio 2011 @ 08:52
  2. Il ricordo del Presidente Viola è sempre presente. Ma io me chiedo…..pure de mercoledì tocca soffrì?
    Boni, state boni….
    SempreForzaRoma

    Comment di Massimiliano "Bariggio" — 19 Gennaio 2011 @ 09:31
  3. Onore al nostro amato presidente Viola! La sua figura è legata a momenti indimenticabili della mia vita adolescenziale, la sua AsRoma ci ha dato le emozioni più grandi. Resterà sempre nel cuore di tutti noi.

    Comment di Silvio — 19 Gennaio 2011 @ 10:18
  4. Bello ‘sto sonetto, ma anche il pensiero del giorno è fenomenale! Onore al Presidente Viola, sempre nei nostri cuori. FORZA ROMAAAAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!!!

    Comment di letizia — 19 Gennaio 2011 @ 11:43
  5. Scusate se vado fuori dal coro. Premesso che a parer mio ogni presidente che ha vinto qualcosa (e non sono molti, ahimé) merita il nostro incondizionato ringraziamento, mi domando: che fine hanno fatto tutti i curvaroli (ed erano tanti) che gridavano Viola Dino bagarino? Rammento i Boys, piu’ tardi i CUCS ma non solo loro. Per non parlare del casino che fu montato con l’acquisto di Manfredonia…
    A distanza di tanti anni credo che il 99% dei tifosi ricordi con rispetto e nostalgia Dino Viola, secondo me il piu’ grande presidente di sempre. Tuttavia, non ho mai letto o sentito dire un mea culpa o un “mi ero sbagliato” da parte delle migliaia di persone che lo insultavano.
    Forse il calcio non è sport da persone coerenti, me compreso.

    Comment di Paolo BigHorn — 19 Gennaio 2011 @ 14:07
  6. Stasera lassu’ Alberto e Dino sorridono 🙂

    Comment di Prometex — 19 Gennaio 2011 @ 22:39
  7. Te l’aricordi, Arbe’, te l’aricordi?
    “Che c’è Peppino lì?” e quer saluto,
    fatto co ‘na pernacchia de un minuto,
    che ce riusciva solo Arberto Sordi. … (continua)

    Comment di Stefano — 15 Novembre 2016 @ 08:14
  8. Grande Albertone! Spero che anche quest’anno gli facciamo un bel pernacchione a ‘sti profughi!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 15 Novembre 2016 @ 13:18
  9. Bonpranzo o bona diggestione a tutti. Grande Arbertone o Arberone er grande? Va bene ‘n tutte ‘e magniere. Ancora me diverto a ripassa’ ‘a collana de cassete de li firme sua. Auguri Arbe’, divertete e fa’ diverti’ li parenti e l’amici che tenemo lassù,

    Comment di 'svardo AsR'29 — 15 Novembre 2016 @ 14:17

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>