Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

9 Aprile 2016

Trilussa: Romolo e Remo

trilussa - romolo e remo

Romolo e Remo

***

Seconno er fatto storico romano,

come ce riccontava la maestra,

Romolo e Remo, dentro a ‘na canestra,

vennero giù pe’r fiume, da lontano.

***

Er vento poi li spinze su in ripiano,

in mezzo a quattro piante de ginestra,

e lì successe er sarvataggio extra,

rimasto pe li secoli un arcano.

***

‘Na lupa li sarvò, così li pupi,

succhiorno er latte suo come a ‘na balia

e crebbero co l’indole de lupi.

***

De fatti da li tempi ormai lontani

li discennenti succhieno l’Italia

e quer ch’è buffo è che nun sò romani.

***

Trilussa

___________________

***

  1. Fantastico e attualissimo… Che se perdono l’Americani, ma Trilussa, Belli e Agostino se possono tradurre in inglese?
    Ehhhh, se c’era Albertone… Ma ce arimasto Gigi Proietti…

    Comment di Luis — 5 Febbraio 2011 @ 12:51
  2. Intrà li discennenti ce capeno puro li “legaioli” (dato che lo tengheno duro se pò sostitui’ l'”ELLE” co la “ESSE”) nordici? Che dicheno de “Roma ladrona” e vengheno quì a strafogasse?
    Ah Ste’, nun è che er Salustri s’è arincarnato ‘n te ne la nòva vita?

    Comment di 'svardo — 5 Febbraio 2011 @ 18:27
  3. Luis, io ti ringrazio davvero, ma non credo certo di meritare l’accostamento col Trilussa e il Belli. Magari, troppe pagnotte devo magnà. Grazie comunque.

    Comment di Stefano — 6 Febbraio 2011 @ 00:33
  4. Sempre un piacere leggere i sonetti di G Belli

    Comment di Osita Vincenzi — 26 Giugno 2015 @ 22:02
  5. E quelli di Trilussa

    Comment di Osita Vincenzi — 26 Giugno 2015 @ 22:02
  6. Seconno er fatto storico romano,
    come ce riccontava la maestra,
    Romolo e Remo, dentro a ‘na canestra,
    vennero giù pe’r fiume, da lontano. … (continua)

    Comment di Stefano — 9 Aprile 2016 @ 07:33
  7. La seconda terzina non me la ricordavo: come c’ha ragione Trilussa!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 9 Aprile 2016 @ 09:23
  8. Bon pomeiggio de ‘n sabato “barzotto”. Certo che li discennenti de Roma, disseminati ‘n tutto er monno, so’ diventati ”n pletora de perzone che, tra’ncroci tengheno diverzi caratteri. Er carattere de tanti, generati e rigenerati in una Italia dominata da Roma, discenne da l’avi barbari, grandi predatori di altrui fortune. adesso se so’ ammucchiati tutti dentro ‘n partito politico. Avete da ‘ndovina’ quale.

    Comment di 'svardo AsR '929 — 9 Aprile 2016 @ 15:27
  9. Bonasera. Stasera ho ‘mparato er significato de ‘n nome, si, nun ce lo sapevo; er nome è Claudio e sta a significa: perzona claudicante. A ognuno er suo dovuto. Nun so perché, me so’ preparato er trespolo e vojo GUFA’: tiferò Palemmo. Alè!

    Comment di RomamoR AsR '929 — 9 Aprile 2016 @ 20:46

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>