Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

6 ottobre 2018

Aldo Fabrizi: Magnà e dormì

Aldo Fabrizi - Magnà e dormì

Magnà e dormì

***

Sò du’ vizzietti, me diceva nonno,

che mai nessuno te li pò levà,

perchè sò necessari pe campà,

sin dar momento che venimo ar monno.

***

Er primo vizzio provoca er seconno:

er sonno mette fame e fa magnà,

doppo magnato, t’aripija sonno,

poi t’arzi, magni e torni a riposà.

***

Insomma la magnata e la dormita,

massimamente in una certa età,

sò l’uniche du gioje de la vita.

***

La sola differenza è questa qui:

che pure si ciai sonno pòi magnà,

ma si ciai fame mica pòi dormì.

***

Aldo Fabrizi

____________________

***

  1. Aldo e un grande…e mi spiace di averlo capito tardi ..avrei voluto conoscerlo di persona per viverla in amicizia conviviale poetica romanesca, ciao Aldo

    Comment by Enrico — 13 maggio 2014 @ 06:56
  2. Sò du’ vizzietti, me diceva nonno,
    che mai nessuno te li pò levà,
    perchè sò necessari pe campà,
    sin dar momento che venimo ar monno. … (continua)

    Comment by Stefano — 18 giugno 2016 @ 07:26
  3. Bongiorno. Praticamente “La vita de l’Omo”, der Belli, rivisitata dar granne Aldo Fabrizì: ce manca er finale: ” …… ‘n’Ave Maria, l’orinaletto e bòni bòni, ce n’annamo a letto”.

    Comment by 'svardo AsR '929 — 18 giugno 2016 @ 14:20
  4. Questa è una “ginnastica” che fa ingrassare!
    Buona Giornata!

    Comment by letizia — 6 ottobre 2018 @ 10:15

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>