Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima,Poesie romaniste

17 Febbraio 2011

Sapessi che vòr dì

sapessi che vòr dìSapessi che vòr dì

***

Sapessi che vòr dì pe noi sta maja,

cor simbolo de Roma in centro ar petto,

la porteresti co maggior rispetto,

‘gni vorta che comincia la battaja.

***

Sapessi che vòr dì quelo scudetto

la Lupa che a li pupi fa da bajja,

su sfonno giallorosso in cui se staja,

l’acronimo de Roma lì in grassetto.

***

Ma nun lo pòi sapè tu che l’indossi,

sortanto pe li sordi che te renne

e nun te ‘mporta gnente si l’affossi.

***

Ma t’ho sgamato e mo te tocca scenne,

da piedistalli a vetri giallo e rossi

e spero tanto che chi pò te venne !!!

***

Stefano Agostino

  1. Ma si, mannamoli tutti affan….corso, dar più presupponente all’urtimo de li Adriano de turno. Ormai ‘sta Società, senza manco ‘n becco de ‘n quattrino, è diventata la mangiatoja de chi ce sta ‘ntorno. Seguitanno così l’americani nun ce troveranno manco li sassi de Trigoria. Speramo che nun ce scuffieno.

    Comment di 'svardo — 17 Febbraio 2011 @ 12:44
  2. Io stanotte ho dormito MALISSIMO e ho una certa acidità di stomaco….

    Comment di Principessa — 17 Febbraio 2011 @ 14:13

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>