Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

10 Marzo 2011

Er pizzardone

er pizzardone 

Er pizzardone

***

Seconno me ce nasce co l’istinto

che lo fa diventà un pizzardone.

Nun riesco a damme un’artra spiegazzione,

e più lo guardo e più ne sò convinto.

***

Pe lui fà murte è ‘na religgione,

a credece chissà chi ce l’ha spinto,

quarcuno cui la mente è un labbirinto,

‘ndo ce s’è perzo, povero, un neurone.

******

Gesti inconsurti e quer fischietto in bocca,

sta sempre pronto cor libbretto in mano

a contravvenzionà, sotto a chi tocca.

 

E nun te pòi inventà che annavi piano,

che nun hai visto er rosso, si te ciocca

fai mejo a rinnegà d’èsse romano!

***

Stefano Agostino

________________________

  1. Er mistero è che più ne assumeno e più ne manchenp. Quanno teserveno nun l’attrovi mai. Ma anco’ se ‘nguatteno?
    Magara escheno fora pe fa’ li straordinari, perché durante l’orario normale de lavoro vanno a fa la spesa o quarche ‘mpiccetto de seconno lavoro.

    Comment di RomamoR — 10 Marzo 2011 @ 10:30
  2. Stà figura mi rievoca l’indimenticabile film di Alberto Sordi, una straordinaria parodia sul romano di bassa estrazione sociale che con la divisa addosso si sente un padreterno…

    Comment di Silvio — 10 Marzo 2011 @ 11:17
  3. Buongiorno a tutti. Ma ancora esistono i pizzardoni? Si Silvio, il grande Albertone che faceva er duro con tutti, poi quando becca Silva Koscina senza patente se sbrodola addosso….

    Comment di roberto genesis — 10 Marzo 2011 @ 11:42
  4. Io, non per vantarmi, riesco sempre a rigirare la frittata con i vigili e, in caso di manifesto errore da parte loro, a rimetterli a posto!! Naturalmente, mi riferisco agli esponenti UOMINI della nostra “amata” P.M.!

    Comment di Principessa — 10 Marzo 2011 @ 14:47

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>