Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

28 Aprile 2011

Artistoide

artistoide

Artistoide

***

Ma che t’avrà mai detto er cervello,

ammesso che tu ce ne abbia uno,

p’annà a mette ar Pigneto, a cielo bruno,

un insurto de l’infamia come quello.

***

Mo co ‘na faccia che nun cià nessuno,

ce vieni a dì ch’è arte quer cartello,

che nun volevi offenne o fà un macello,

ma sensibbilizzà più de quarcuno.

***

Si come hai ricopiato tu “er lavoro

ce renne libberi” come che hai scritto,

va’ a lavorà, nun perde tempo, è oro.

***

Così magari impari a statte zitto,

nun ce rovini er pubblico decoro,

e la finisci st’arte de fà er dritto.

***

Stefano Agostino

__________________________

  1. Eh si caro Stefano, questo è un insulto alla dignità del romano che deve leggere dopo sessant’anni slogan fascisti che hanno la pretesa di dare lezioni di vita, ma è anche uno schiaffo ai moltissimi stranieri che popolano quella zona, immigrati che vivono tra mille difficoltà proprio per la mancanza di lavoro. Davvero inopportuno e di cattivo gusto!

    Comment di Silvio — 28 Aprile 2011 @ 09:37
  2. A me fa venire i brividi, nel ricordo di tanta sofferenza e di tante vittime innocenti chiedo, anzi pretendo il massimo rispetto.

    Comment di Federica_Perla — 28 Aprile 2011 @ 10:12
  3. Vedi Ste’, si c’hai la vena,
    c’è sempre de’sti giorni
    ‘n fatto che la mente ‘pncatena
    e ‘n sonetto logico ce sforni.
    Er penziero d’oggi fa convinta
    la rima e li contorni:
    “La madre de li str.ani è sempre
    ‘n cinta”

    Comment di 'svardo — 28 Aprile 2011 @ 10:23
  4. Molto giusto e bello. “Si come hai ricopiato tu “er lavoro

    ce renne libberi” come che hai scritto,

    va’ a lavorà, nun perde tempo, è oro.

    Così magari impari a statte zitto,

    nun ce rovini er pubblico decoro,

    e la finisci st’arte de fà er dritto”.

    Tra le tue cose migliori….

    Comment di stalloreggi — 28 Aprile 2011 @ 12:25
  5. mah! alla insensibilità e alla cattiveria non c’è mai fine.

    Comment di letizia — 28 Aprile 2011 @ 12:51
  6. AriekkemeeeeeeEEEE! Grande Stefano, ho letto tutti li sonetti d’un fiato! Occupatissimo, altro che il lavoro rende liberi… ce rende schiavi piuttosto! Ed era proprio a questa sottile e sinistra allusione che i nazi e l’altri aricicciati dell’ultimi tempi facevano riferimento in quella, purtroppo non ultima, immensa tragedia! Che il futuro ce scampi da tanta follia!

    Comment di Luis — 28 Aprile 2011 @ 15:24
  7. mmmmmMMMM… tutto quel ferro battuto e sprecato… N’era mejo un bel SEMPREFORZAROMA? Sono schiavo de la ROMA, vojo esselo…

    Comment di Luis — 28 Aprile 2011 @ 15:26
  8. Sarò ripetitivo, ma ve vojo bene davvero. Daje co sta cena…

    Comment di Stefano — 28 Aprile 2011 @ 19:35

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>