Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

22 Giugno 2019

Trilussa – La dipromazzia

trilussa - la dipromazzia

La dipromazzia

***

Naturarmente la dipromazzia

è ‘na cosa che serve a la nazzione,

pe conservà la bona relazzione,

co quarche ‘mbrojo e quarche furberia.

***

Se dice dipromatico pe via

che frega co ‘na certa educazzione,

cercanno d’annisconne l’opignone

dietro un giochetto de fisiognomia.

***

Presempio, si io te dico chiaramente

ch’ho ‘ncontrato tu moje co un tale,

sarò sincero sì, ma imprudente.

***

S’invece dico: “Abbada co chi pratica”,

tu resti co le corna tale e quale,

ma te l’avviso in forma dipromatica.

***

Trilussa

________________

***

  1. Buongiorno! Ehhh, la diplomazia è pure l’arte de scenne a compromessi (talvolta stanno 2 piani seminterrati…), l’arte de stà cò 2 piedi in una scarpa… se poi stai cò na scarpa e na ciavatta, come la diplomazia italiana, è na scelta obbligata, no?

    Comment di Luis — 30 Aprile 2011 @ 12:13
  2. Vedenno ‘na machina targata “CD”, da regazzino, se diceva: “ca..si duri”; mo se dice: “paraculi”. Cmq li soli “diplomatichi” che me piaceno so’ quelli der pasticcere sotto casa; l’antri ce sanno solo frega’.

    Comment di 'svardo — 30 Aprile 2011 @ 13:13
  3. Naturarmente la dipromazzia
    è ‘na cosa che serve a la nazzione,
    pe conservà la bona relazzione,
    co quarche ‘mbrojo e quarche furberia. …

    Comment di Stefano — 22 Giugno 2019 @ 07:55

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>