Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

15 settembre 2018

Trilussa – La sincerità ne li comizzi

trilussa - la sincerità ne li comizzi

La sincerità ne li comizzi

***

Er deputato, a dilla fra de noi,

ar comizzio ciagnede controvoja,

tanto ch’a me me disse: “Oh Dio che noja,

Me lo disse, è verissimo, ma poi …

***

sai come principiò, dice: “E’ con gioja,

che vengo, oh cittadini, in mezzo a voi,

pe onorà li martiri e l’eroi,

vittime der pontefice e der boja”.

***

E lì rimise fora l’ideali,

li schiavi, li tiranni, le catene,

li re, li preti, l’anticlericali.

***

Eppoi parlò de li principi sui,

e allora pianse. Pianse così bene,

che quasi ce credeva puro lui.

***

Trilussa

____________________

***

  1. Pare che er Trilusa sta a scrive li sonetti de pari passo co’ Stefano. Presempio questo pare scritto aieri.

    Comment by 'svardo — 14 maggio 2011 @ 15:18
  2. Er deputato, a dilla fra de noi,
    ar comizzio ciagnede controvoja,
    tanto ch’a me me disse: “Oh Dio che noja,
    Me lo disse, è verissimo, ma poi … (continua)

    Comment by Stefano — 15 ottobre 2016 @ 04:21
  3. Bongiorno! Er tempo passa, cambieno o mòreno tante cose, ma la genìa de li parassiti nun mòre, se riggenera; de modo che li sonetti der Trilussa, so’ sempre d’attuaità

    Comment by 'svardo — 15 settembre 2018 @ 07:48
  4. Un pensiero alla Signora Maria, moglie del compianto Franco Sensi, che lo ha raggiunto: Sòra Mari’, come Franco, arimarrài pe’ sempre ner còre der vero tifoso romanista! Riposa in pace!

    Comment by Romamor ASR'29 — 15 settembre 2018 @ 07:58
  5. I politici sono bugiardi di natura!
    Buon Sabato!

    Comment by letizia — 15 settembre 2018 @ 09:24

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>