Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Canzoni e Personaggi

29 Maggio 2011

Belli – La creazzione der monno

Interpretato dal fine dicitore Gianni Bonagura

  1. Leggo er “penziero der giorno” e, porca pupazza, me pija er marmatrone. Quanto tempo ce sarà d’aspetta’ p’arivedella arinovata?
    Me pare che ce sta ‘n pò troppa confusione ‘ntra li digerenti uscenti e li dirigenti entranti. E’ propio vero er detto: “tanti galli a canta’, nun se fa mai giorno”.
    Aoh! Er Pep ha trovato l’acqua calla: “vinciamo perché i campioni corrono come matti”. Ma và! Nun c’o sapevo!?!

    Comment di 'svardo — 29 Maggio 2011 @ 10:41

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>