Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

12 maggio 2018

Trilussa – Li peccati capitali

trilussa - li peccati capitali

Li peccati capitali

***

AVARIZZIA

Ho conosciuto un vecchio,

ricco, ma avaro: avaro a un punto tale

che guarda li quatrini ne lo specchio,

pe vedè raddioppiato er capitale.

Allora dice: “Quelli li do via,

perchè ce faccio la beneficenza,

ma questi me li tengo, pe prudenza”,

e li ripone ne la scrivania.

***

IRA

Lidia, ch’è nevrastenica, è capace

che quanno liticamo per un gnente,

se dà li pugni in testa, espressamente,

perchè lo sa che questo me dispiace.

Io je dico: “Sta’ bona, amore mio,

che sennò te fai male, core santo”,

ma lei fa peggio infino a tanto

che quarcheduno je ne do pur’io.

***

INVIDIA

Su li stessi scalini de ‘na chiesa,

c’è ‘no sciancato co la bussoletta,

e una vecchia co la mano stesa.

Ogni minuto lo sciancato dice:

Moveteve a pietà de un infelice,

che sò tre giorni che nun ha magnato”,

e la vecchia borbotta: “Esaggerato”.

***

ACCIDIA

In un giardino, un vagabonno dorme,

accucciato pe tera, arinnicchiato,

che manco se distingueno le forme.

Passa una guardia: Ahò – dice – Cammina!

Quello se smucchia e  j’arisponne: Bravo.

Me sveji proprio a tempo, me sognavo,

che stavo a lavorà ne l’officina!

***

Trilussa

***

  1. Classico er Trilussa ner fa’, co la rima, ‘a foto de li varì comportamenti der genere umano.
    Vojo, però, di’ che pure tu, Stefano, nun sei de meno.
    Arileggo li sonetti tua e me commovo; specie co er primo de la serie “Schegge de vita”.
    Bona domenica anche a te!

    Comment by 'svardo — 19 giugno 2011 @ 13:34
  2. ‘Svardo ha ragione: tu, caro Stefano, non sei da meno di Trilussa! Buon pomeriggio!

    Comment by letizia — 19 giugno 2011 @ 16:56
  3. Li peccati capitali –
    Ho conosciuto un vecchio,
    ricco, ma avaro: avaro a un punto tale
    che guarda li quatrini ne lo specchio,
    pe vedè raddioppiato er capitale.

    Comment by Stefano — 12 maggio 2018 @ 08:00
  4. Certo che certi sogni, pe’ ‘n’accidioso, pònno arisurta’ fatali! Cmq sempre d’attualità er Trilussa.

    Comment by 'svardo — 12 maggio 2018 @ 12:22
  5. Bellissimo tutto il sonetto! Ma i versi sull’avarizia sono fantastici. Grande Trilussa.
    Buon Sabato.

    Comment by maria letizia — 12 maggio 2018 @ 13:14

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>