Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

10 Novembre 2011

Lo “spread”

lo spread

Lo “spread”

***

Ched’è lo SPREAD, de cui se parla spesso?

Lo “spred” – io mo lo scrivo in romanesco –

segna la differenza cor tedesco

tra titoli de Stato e er loro nesso.

***

Spiegà come funziona nun ce riesco,

nun sò un economista der Congresso,

ma so pe certo che come va adesso

sto Ber Paese rischia de stà fresco.

***

La corpa – dicheno – ch’è de la Borza,

de un deficit pauroso der Paese

e de speculatori a fà la corza.

***

Sarà, ma chi poi ne sta a fà le spese

è er pòro popolo che s’arintorza,

speranno d’arivà a fine mese.

***

Stefano Agostino

____________________________

  1. Buongiorno a Tutti!
    GRANDE, FANTASTICO POETA IL NS. STEFANO!
    Causa ‘mpicci e ‘mbrogli vari (compreso PC), non ho potuto postare ma mò me sò riletto tutti l’ultimi sonetti e posso, dopo averne goduto, legittimamente confermare che sei un AR-TI-STA VE-RO!!!

    Comment by Luis — 10 Novembre 2011 @ 10:32
  2. … Circa er sonetto de oggi, posso altresì confermare che il MONDO sta andando a rotoli, che il MONDO sta in crisi, che nel MONDO semo troppi, che il MONDO sta collassando…
    Vorrei scappà… Non so dove sta andando il MONDO, ma io vorrei tanto andò dalla parte opposta…
    Oddio, e MO ‘NDO vado?

    Comment by Luis — 10 Novembre 2011 @ 10:35
  3. Luis, grazie. Mi, ma penso ci, sei mancato.

    Comment by Stefano — 10 Novembre 2011 @ 11:14
  4. Grande Stefano e grande anche Luis! Per caso il mondo è arrivato alla fine?

    Comment by letizia — 10 Novembre 2011 @ 12:27
  5. Se parla de lo “spred”? Se cerca er significato?
    Pe me arissomjia tanto a “spreco”; si quello che è stato perpetrato ne l’anni da li varì governanti de lo Stato, de le Reggioni, de le Provincie, de li Comuni e puro de le varie Comunità Montane.
    Adesso, ortre a nun avecce più ‘na “Lira”, se stanno verificà li danni provocati da l’incuria, madre de li sprechi.
    Er guaio è che a la fine er cetriolo lo becca sempre e solo chi tie’ er reddito fisso: guasi tutto poveracci.
    Va via er Berlusca? Ariveno i, fin’adesso, digiunatori a spartisse l’urtime spoje.

    Comment by 'svardo — 10 Novembre 2011 @ 12:30
  6. Leti’, c’ammanca poco. Pò esse’ che tutti ‘sti disastri so’ l’anteprima de l’APOCALISSE.
    Areggemese forte a li “Mancorrenti”.

    Comment by 'svardo — 10 Novembre 2011 @ 12:35

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>