Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

12 Novembre 2011

Trilussa – Er ceco

trilussa - er ceco

Er ceco

***

Su l’archetto ar cantone de la piazza,

ar posto der lampione che c’è adesso,

ce stava un Cristo e un Angelo de gesso,

che reggeva un lumino in una tazza.

Più c’era un quadro indove una regazza,

veniva libberata da un ossesso,

ricordo d’un miracolo successo,

sbiadito da la pioggia e da la guazza.

Ma una bella matina er propietario,

levò l’archetto e tutto quer che c’era,

pe dallo a Spizzichino, l’antiquario.

Er Cristo agnede in Francia e l’Angeletto

lo presa una signora forestiera,

che ce guarnì la cammera da letto.

***

E adesso l’Angeletto fa er gaudente,

in una bella cammeretta rosa,

sculetta e ride ne la stessa posa,

co l’ale aperte, spenzieratamente.

Nun vede più la gente bisognosa,

che je passava avanti anticamente,

dar vecchio stroppio ar povero pezzente,

che je chiedeva sempre quarche cosa.

Nemmanco j’aritorna a la memoria

quer ceco c’ogni giorno, a la stess’ora,

je recitava la giaculatoria.

Nemmeno quello! L’Angeletto antico,

adesso regge er lume a la signora

e assiste a certe cose che nun dico.

***

Er ceco camminava accosto ar muro,

pe nun pijà de petto le perzone,

cercanno co la punta der bastone,

ch’er passo fusse libbero e sicuro.

Nun ce vedeva, poveraccio, eppuro,

quanno sentiva de svortà er cantone,

ciancicava la solita orazzione,

co l’occhi storti in quell’archetto scuro.

Perchè s’aricordava da cratura,

la madre je diceva:” Lì c’è un Cristo,

preghelo sempre e nun avé paura”.

E lui, ne li momenti de bisogno,

lo rivedeva, senza avello visto,

come una cosa che riluce in sogno.

***

Da cinque mesi, ar posto der lumino

che s’accenneva pe l’Avemmaria,

cianno schiaffato un lume d’osteria,

cor trasparente che c’è scritto: “Vino”.

Ma er ceco crede sempre che ce sia

er Cristo, l’Angeletto e l’artarino,

e, ner passà, se ferma, fa un inchino,

recita un Paternostro e rivà via…

L’ostessa, che spessissimo ce ride,

je vorebbe avvisà che nun c’è gnente,

ma quann’è ar dunque nun se sa decide.

In fonno – pensa – quanno un omo prega,

Iddio lo pò sentì direttamente,

senza guardà la mostra de bottega.

***

Trilussa


  1. … fa sempre piacere leggere e rileggere TRILUSSA (Carlo Alberto Salustri) …

    Comment by Elio Malloni — 12 Novembre 2011 @ 12:13
  2. Certo che Roma, romani, romanologhi e romanisti non c’hanno eguali ar monno! Lo so da quanno respiro perô me fa bbene ogni tanto ripeterlo!

    Comment by Sololupo — 12 Novembre 2011 @ 14:12
  3. Grazie Stefano, grazie infinite.
    A casa ho quattro volumi con le raccolte di poesie di Trilussa, e quando sento il bisogno di un sorriso, di una coccola, li sfoglio fino a trovarne una adatta all’uopo.
    Sarà un caso forse, non so, ma le mie due preferite sono Er ceco e La fede.
    Entrambe parlano di persone prive della vista ma che “vedono” assai meglio di persone normodotate.

    Comment by Pablo bighorn — 12 Novembre 2011 @ 15:33
  4. Buon sabato anche a te.
    Purtroppo, ne li sonetti der Trilussa che tengo io, questa nun c’è. Quindi grazie d’avella messa ner sito. E’ bella.

    Comment by 'svardo — 12 Novembre 2011 @ 16:47
  5. Strepitosa

    Comment by Massimiliano "Bariggio" — 12 Novembre 2011 @ 18:22
  6. A ‘Ste, ‘sta poesia è bella come le tue! e lo penso davvero!

    Comment by letizia — 12 Novembre 2011 @ 20:36
  7. Letizia, grazie, ma questa è poesia, le mie sono tentativi d’imitarla.

    Comment by Stefano — 12 Novembre 2011 @ 21:59

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>