Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

25 Maggio 2018

Cicala e formica … oggi

cicala e formica ... oggi

Cicala e formica … oggi

***

Le favole che sò de data antica,

vanno arilette ar passo co li tempi,

così che, ar giorno d’oggi e co ‘st’esempi,

le storie nun sò più le stesse mica.

***

Ché co ‘sti granni scannali e ‘sti scempi,

presempio, la cicala e la formica

rivista oggi, Dio ce benedica,

ciavrebbe ‘sti finali ben più empi.

***

Co la formica a spigne da cojona

tutta l’estate, quanno la compagna

intanto se la canta e se la sona.

******

Ma, ar tempo de l’inverno, la cuccagna

che ha accumulato cambia de padrona,  

 ché ariva la cicala e se la magna!

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. … molto fine la metafora …

    Comment by Elio Malloni — 15 Novembre 2011 @ 09:14
  2. Bravissimo Stefano….. hai dato rima ad un mio moto d’animo.

    Comment by Massimiliano "Bariggio" — 15 Novembre 2011 @ 11:44
  3. Bel sonetto, Stè!
    E’ una vita che sento sta storia, sempre attuale, ma la verità è che non s’impara mai…

    Comment by Luis — 15 Novembre 2011 @ 20:48
  4. Questo sonetto rispecchia il mio stato d’animo sull’andamento della politica italiana ed europea. Da sempre chi ha lavorato per una vita, guadagnondosi, con il sudore della fronte, con sacrificio anche della vita, risparmiando con rinunce,nella visione di un futuro più tranquillo per la propria famiglia. Alla fine vede annullato tutto quello che ha costruito per far continuare a vivere allegramente tutti quei parassiti che non hanno mai fatto nulla di buono.

    Comment by Carlo Pighi — 17 Novembre 2011 @ 20:16
  5. Le favole che sò de data antica,
    vanno arilette ar passo co li tempi,
    così che, ar giorno d’oggi e co ‘st’esempi,
    le storie nun sò più le stesse mica. … (continua)

    Comment by Stefano — 31 Agosto 2017 @ 07:05
  6. CICALA: i governi e istituzioni varie succedutisi dal 1963 (primo centrosinistra) ad oggi.
    FORMICA: er popolo cojone che è ito dietro a cento bandiere (‘n particolare a quella più iniqua de oggi), senza mai sapesse o potesse ribella’, mannannoli tutti a “….. Te c’hanno mai mannato a quer paese …….”
    La favola finisce co”n domanna: Riusciranno i nostri eroi? …… Ma quali?

    Comment by 'svardo AsR'29 — 31 Agosto 2017 @ 16:37
  7. Che tristezza lavorare per tutta la vita e risparmiare per la vecchiaia! Meglio godersela la vita quando si può, tanto alla fine viene “er bocio” e ci porta via tutto!!!!!!!!!
    Buona Giornata!

    Comment by maria letizia — 25 Maggio 2018 @ 09:19
  8. Ci vuole equilibrio, risparmiare per i tempi bui è saggio, ma al contempo si può anche godere un po’ di qualche meritato piacere. In medio stat virtus!

    Comment by Silvio — 25 Maggio 2018 @ 09:47

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>