Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Canzoni e Personaggi

27 Agosto 2016

Trilussa – Er testamento d’un arbero

trilussa - er testamento d'un arberoEr testamento d’un arbero

***

Un Arbero d’un bosco chiamò l’ucelli e fece testamento.

“Lascio li fiori ar mare, le foje ar vento,

li frutti ar sole e poi, tutti li semi a voi.

A voi poveri ucelli,

perché me cantavate la canzone, ne la bella staggione.

E vojo che li stecchi, quanno saranno secchi,

faccino er foco pe li poverelli.

Però v’avviso che sur tronco mio

c’è un ramo che dev’èsse ricordato

a la bontà de l’ommini e de Dio.

Perché quer ramo, semprice e modesto,

fu forte e generoso e lo provò

er giorno che sostenne un omo onesto,

quanno ce s’impiccò”.

***

Trilussa

  1. … forse nun l’ho mai letta, in genere m’aricordo bene’ste cose … forse sarà l’età … boh, nu’ lo so … comunque è bellissima …

    Comment by Elio Malloni — 19 Novembre 2011 @ 11:48
  2. Ecchenesò, ‘sta poesia l’ho letta ‘n sacco de vòrte senza che me facesse tanto effetto, forze perché la cercavo e già me l’ha aspettavo. Letta così, presa a l’improvviso, m’ha dato ‘na sensazzione strana, prima de dorcezza e a la fine de pena pe quell’umo onesto.
    Grazie Ste’, puro si nun te va de scrive, ce dai sempre quarcosa da penza’.

    Comment by 'svardo — 19 Novembre 2011 @ 17:27
  3. l ignoranza de sto monno, ar giorno d oggi c e solo da piagne, come si puo arrivare a vent anni senza aver letto , belli, trilussa e pascarella ?

    Comment by rodolfo — 3 Dicembre 2011 @ 16:24
  4. Un Arbero d’un bosco chiamò l’ucelli e fece testamento.
    “Lascio li fiori ar mare, le foje ar vento,
    li frutti ar sole e poi, tutti li semi a voi.
    A voi poveri ucelli,
    perché me cantavate la canzone, ne la bella staggione. … (continua)

    Comment by Stefano — 27 Agosto 2016 @ 05:04
  5. Bellissima Poesia!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 27 Agosto 2016 @ 10:20
  6. Bonsabato, cor penziero arivòrto a sta in triboli, pe l’ansia de gente dispersa.
    Er ramo de quell’arbero sta funziona’ ‘n pò troppo, co’ l’aria che tira.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 27 Agosto 2016 @ 11:43
  7. Le dimissioni di Benedetto XVI
    Quanno se preparava n’elezione
    pe mette er Papa sotto ar Cupolone
    na nobirtà coll’antra se scontrava
    e chi vinceva er soglio s’acchiappava !
    Terre,prebende,sordi, Sacramenti..
    tutto der Papa Re e de li parenti..
    e chi a ste cose poco s’adattava
    er boja la capoccia je tajava !!
    Mo s’è cambiato tutto in un momento
    poca è la trippa, e molto er rompimento..
    l’Islamici, l’Ebbrei, la coruzione..
    er Clero che te tratta da cojone..
    nun sa se la vo cotta o la vo cruda
    intanto nun fa gnente, e mai se suda.
    Così pe mette fine a sto tormento..
    lascio er Papato e torno ar mio convento.

    Comment by RAZZA FERDINANDO — 20 Luglio 2017 @ 19:36

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>