Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

21 Ottobre 2017

Aldo Fabrizi: Sacrilegio

Aldo Fabrizi - Sacrilegio

Sacrilegio

***

Oggi se pranza in piedi in de ‘gni sito,

er vecchio tavolino apparecchiato,

che pareva un artare consacrato,

nun s’usa più: la prescia l’ha abbolito.

***

‘Na vorta er pranzo somijava a un rito,

t’accomodavi pracido e beato,

aprivi la sarvietta de bucato,

un grazzie a Cristo e poi … bon appetito.

***

Mó nun c’è tempo de mettese a sede,

la gente ha perzo la cristianità,

e magna senza amore e senza fede.

***

E’ propio un sacrilegio, invece io,

quanno me piazzo a sede pe magnà,

sento ch’esiste veramente Dio.

***

Aldo Fabrizi

____________________________

***

  1. Aldo sei stato Grande Grande Grande (in tutti i sensi…)

    Comment by Luis — 27 Novembre 2011 @ 14:47
  2. Magnà in piedi? Nun se ne parla!
    Ma la cena Romanista? Se fà? E si perchè di sicuro è coi piedi sotto il tavolo… e soprattutto è una cena con amore e con fede!

    Comment by Pablo bighorn — 27 Novembre 2011 @ 16:42
  3. Oggi se pranza in piedi in de ‘gni sito,
    er vecchio tavolino apparecchiato,
    che pareva un artare consacrato,
    nun s’usa più: la prescia l’ha abbolito. … (continua)

    Comment by Stefano — 21 Ottobre 2017 @ 07:23
  4. Bon giorno, Bon sabbato e …… bon appetito!

    Comment by 'svardo AsR'29 — 21 Ottobre 2017 @ 10:45
  5. Bellissimo!
    Buon Sabato!

    Comment by letizia — 21 Ottobre 2017 @ 11:03

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>