Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

19 Gennaio 2012

Schettino

Schettino

Schettino

***

Mo che ciai tutti contro avrai capito

de che cazzata hai fatto a scappà via:

lassà la nave, ch’era in avaria,

preso dar panico e te ne sei ito.

***

Avrai penzato: “Sta scialuppa è mia,

qui affonna tutto e si nun arzo un dito

nun sarò eroe, certo e manco un mito,

ma sarvo er culo e detto questo sia”.

***

E in quer preciso minuto seconno,

dopo che avevi fatto quer casino,

co quelo scojo e la Concordia a fonno…

***

… hai fatto sì che mo chiama “Schettino”

tutta l’Italia e armeno mezzo monno,

pe indicà un “vile assassino”.

***

Stefano Agostino

________________________

  1. Vorebbe dommanna’ a tutti l’amichi che er sor Schettino salutava da la nave: je li portate l’aranci in carcere?

    Comment di 'svardo — 19 Gennaio 2012 @ 09:09
  2. preso in pieno …

    Comment di Elio Malloni — 19 Gennaio 2012 @ 10:11
  3. Che VERGOGNA!

    Comment di letizia — 19 Gennaio 2012 @ 11:35
  4. in genere sono i topi che per primi lasciano la nave che affonda e schettino li ha voluti anticipare per non essere da meno

    Comment di marcello — 24 Gennaio 2012 @ 10:51

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>