Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

25 Febbraio 2012

>La vita dell’omo – G.G. Belli

g.g. belli

La vita dell’omo

***

Nove mesi a la puzza, poi in fassciola,

tra sbaciucchi, lattime e llagrimoni,

poi p’er laccio, in ner crino, e in vesticciola,

cor torcolo e l’imbraghe pe ccarzoni.

***

Poi comincia er tormento de la scola,

l’abbeccè, le frustate, li ggeloni,

la rosalìa, la cacca e la ssediola,

e un po’ de scarlattina e vvormijoni.

***

Poi viè ll’arte, er diggiuno, la fatica,

la piggione, le carcere, er Governo,

lo spedale, li debbiti, la fica,

***

er sol d’estate, la neve d’inverno,

E pper urtimo, Iddio ce benedica,

viè lla morte, e finisce co ll’inferno.

***

G.G. Belli

_____________

***

  1. Bello ‘sto sonetto. Ho da di’ che nun m’o aricordavo epperciò appena letto me so’ creduto ch’era tuo Ste’. Defatti, a parte er dialetto arcaico, penso che si nun ce fosse stato l’avresti scritto te, tale e quale.
    Basta rilegge quarche tuo scritto in “Schegge de vita” e aritrovi er medesimo penziero.

    Comment di 'svardo — 25 Febbraio 2012 @ 10:41
  2. Grazie ‘Svardo, il tuo paragone mi onora. Ma non posso confrontarmi con Belli. Perderei su ogni fronte. Grazie davvero comunque per il tuo commento.

    Comment di Stefano — 25 Febbraio 2012 @ 12:53
  3. E’ tutto rimasto cosi’

    Comment di stefania — 25 Febbraio 2012 @ 13:19
  4. ‘gni tanto ce vò pure er Belli … in quanto a fà li paragoni “ai posteri l’ardua sentenza” … La tua “bravura”, se continui così, ti ci avvicina comunque …

    Comment di Elio Malloni — 25 Febbraio 2012 @ 18:09

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>