Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

18 Marzo 2012

Romaratona

romaratona

Romaratona

***

Quarantadu’ chilometri er percorzo,

artri ducento metri poco meno,

pe Roma intera se snoda ‘sto treno,

d’omini e donne amanti de ‘sto sforzo.

***

‘Na pettorina lì davanti ar seno,

er cardiofrequenzimetro sur porzo,

le facce stanche de chi s’è già corzo,

cent’artre maratone senza un freno.

***

E mentre er gruppo sfila, córe e tira,

da li Fori Imperiali a la Moschea,

pare che tutta Roma s’ariggira.

*****

Ma nun c’è gogna, ne rupe tarpea

pe chi se ferma e Roma se l’ammira,

nun c’è MORS TUA, solo VITA MEA.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Peccato per l’assoluta mancanza di partecipazione della ente romana. Ho corso Roma e New York… Roma è spettacolare ma a New York tutta la città corre con te ed è una emozione unica. Grazie per l sonetto… Lo sento mio!

    Comment di Sololupo — 18 Marzo 2012 @ 10:57

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>