Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

10 Maggio 2019

Sei unico

sei unico

Sei unico

***

Quanno sei a tera e nun riesci a riarzatte,

co tutto er monno che t’acciacca sotto

e manca poco pe fatte fà er botto,

ché ciai er morale sotto a le ciavatte …

***

… prova a penzà che pure che sei rotto

e nun ciai più la forza de combatte,

ar monno nun ce sta chi pò imitatte,

nemmanco si fa bingo o sbanca er lotto.

***

Ché su ‘sta tera ‘gnuno è er più speciale,

e, come te, è un unico, comunque,

senza le copie de l’origginale.

***

Quann’eri ‘no spermatozoo, ar dunque,

ricorda d’èsse stato eccezzionale,

sei stato er primo tu, no uno qualunque.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Bongiorno a Stefano e a tutte/i le/i bloggher.
    Sto sonetto me casca addosso come ‘n vestito nòvo.
    Ho da cerca’ de penza’ positivo, ma m’èariesce difficile perché so’ negativo ar massimo.
    Speramo che ‘n pò de consolazzione stasera me la da la Primavera Giallorossa.
    Armeno p’arisolleva’ ‘sto giovedì der cavolo.

    Comment di 'svardo — 22 Marzo 2012 @ 08:59
  2. A stò mondo siamo tutti singolarmente originali, “fatti a mano”, ogni unità è realmente autentica, impossibile da replicare… Si dice che nell’universo non ci sarebbe posto per due esseri umani identici, e che anche senza uno solo di noi il creato non sarebbe compiuto, equilibrato, perfetto!

    Comment di Silvio — 22 Marzo 2012 @ 09:23
  3. MAGNIFICO! Oggi m’hai rialzato il morale. Grazie.

    Comment di letizia — 22 Marzo 2012 @ 10:21
  4. … bella Stefano …

    Comment di Elio Malloni — 22 Marzo 2012 @ 10:54
  5. Buongiorno…grazie Stefano la carica di cui avevo bisogno…Tu sei il n°1 per noi…:-)

    Comment di federica_perla — 22 Marzo 2012 @ 10:56
  6. Nel bene e nel male, sì, ognuno de noi è unico…
    Solo uno stampo, solo un modello…
    Ma com’è che il mio commercialista cià il mio Modello Unico?

    Comment di Luis — 22 Marzo 2012 @ 13:58
  7. Caro Stefano, la terzina nfinale mi ha fatto tornare col pensiero ad un mitico pezzo di Gigi Proietti, dove tentava (inutilmente) di spiegare ai bambini cosa è il sesso fino al drammatico finale in cui, liberati i freni, spiegava come uno spermatozoo, il più stronzo di tutti, riesce a vincere la concorrenza…
    Sono 9 minuti, ma ne vale la pena http://www.youtube.com/watch?v=B6g4Vz-Wn0o

    Comment di Pablo BigHorn — 22 Marzo 2012 @ 14:12
  8. scusate, nel link precedente manca il finale http://www.youtube.com/watch?v=yBnYvc9tbzo&feature=related

    Comment di Pablo BigHorn — 22 Marzo 2012 @ 14:17
  9. Quanno sei a tera e nun riesci a riarzatte,
    co tutto er monno che t’acciacca sotto
    e manca poco pe fatte fà er botto,
    ché ciai er morale sotto a le ciavatte …

    Comment di Stefano — 10 Maggio 2019 @ 05:42
  10. Siamo tutti letteralmente pezzi unici, molto di più che edizioni limitate, siamo esclusivi davanti a Dio e al mondo. Unici e liberi, liberi di essere autodistruttivi o felici. L’unicità è un dato di fatto incontrovertibile, l’atteggiamento dipende solo da noi.

    Comment di Silvio — 10 Maggio 2019 @ 15:40
  11. Vero, ma spesso ce vole tutta ‘na vita pe’ capillo!

    Comment di romano cb — 10 Maggio 2019 @ 18:45

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>