Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

6 Aprile 2012

Crocifisso

crocifisso

Crocifisso

****

Stai appeso lì a quer legno, crocifisso,

cor capo chino, reclinato e vorto,

Dio de la Vita, Tu che sei lì, morto,

assurdo paradosso de l’abbisso.

* ***

Tu che sei senza macchia, corpa o torto,

trafitto da li chiodi, a fà er suffisso

ar palo de ’na Croce, a cui è affisso

l’acronimo lassù che va pe storto.

**** *

Chissà che avrai penzato in quer momento,

quello de “Elì, perché m’hai abbandonato?”

Tu che sei Dio ciài avuto un turbamento.

** *

Ma è stato un attimo, l’hai cancellato,

“Tutto è compiuto”, er Cielo che s’è spento,

lavannoce pe sempre dar peccato.

***

Stefano Agostino

________________________

  1. Entra nel cuore come un coltello… Profondo, emotivo, straordinario! (come sempre…)

    Comment by Silvio — 6 Aprile 2012 @ 11:15
  2. Sono senza parole: è semplicemente bellissimo! Grande Stefano!

    Comment by letizia — 6 Aprile 2012 @ 19:29

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>