Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

7 ottobre 2018

Er cuscino in faccia

er cuscino in faccia

Er cuscino in faccia

***

Me so’ svejato co un’impronta in faccia,

quella stampata esatta der cuscino,

possibbile che semo già ar matino

e m’aritocca un’artra levataccia?

***

Me sento un fojo da gettà ar cestino,

‘na palla co lo scotch de carta straccia,

da tiro da tre punti e arzà le braccia

e dopo quer canestro fà un inchino.

***

E nun m’areggo in piedi e caracollo,

nun riesco a sbatte l’occhi manco a forza,

sbadijo e er viso s’attracolla ar collo.

***

Ché tornerebbe a letto mo e de corza,

e mentre penzo a questo e già barcollo,

a ‘gni “BONGIORNO” er tutto s’arintorza.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. inesauribile…ogni giorno è ormai un rito trovare e leggere i suoi sonetti…sempre acuti e divertenti…meriterebbe molta più attenzione!!!

    Comment by Enrica Adiutori — 10 aprile 2012 @ 08:52
  2. C’hai proprio ragione Stè…, che faticaccia oggi ehh?

    Comment by Silvio — 10 aprile 2012 @ 13:57
  3. Me so’ svejato co un’impronta in faccia,
    quella stampata esatta der cuscino,
    possibbile che semo già ar matino
    e m’aritocca un’artra levataccia? … (continua)

    Comment by Stefano — 7 ottobre 2018 @ 23:31
  4. Sottoscrivo pienamente il pensiero del giorno: il lunedì è un crimine!

    Comment by Silvio — 8 ottobre 2018 @ 09:53
  5. Per me ormai il lunedì è come tutti gli altri giorni: sono in pensione, ma capisco bene chi va al lavoro!
    Buon lunedì!

    Comment by letizia — 8 ottobre 2018 @ 11:38

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>